Sul diritto all’informazione e la società post fattuale

Gli amici dell’associazione Cantù Oggi mi hanno chiesto di scrivere un contributo in tema di diritto all’informazione. Se si può parlare di diritto non solo all’informazione ma alla corretta informazione; sull’impatto che le bufale possono avere fino a diventare forma di discriminazione e cioè di ingiustizia.

Ho accettato, ben consapevole di dover trattare un argomento enorme e complesso, perché credo che il tema sia centrale in questo momento storico, ed è stato estremamente utile mettere parte delle mie riflessioni nero su bianco.

Avevo accennato a questo articolo nel ragionamento sull’elezione di Trump, lo trovate qui.